ARTSENAL63 | Kunstprojekte 2009 in Florenz und Italien

ARTSENAL63 | Kunstprojekte 2009 in Florenz
Sehen Sie hier eine kleine Auswahl italienischer Kunstprojekte mit einer Beteiligung von ARTSENAL63 im Jahr 2009.

›MAI PIU SILENZIO‹ – ›NIE MEHR STILLE‹ : Eine Gemeinschaftsaktion in drei italienischen Städten zur Thematisierung der Gewalt gegen Frauen.


Kunstberatung_planarte_Artsenal63_mai piu silenzio


ARTSENALl63 
initiierte zusammen mit Larione 10 und Portodimare am O5. November 2OO9 – zeitgleich in Mailand, in Bologna und in Lucca – 3 Konzertveranstaltungen, um auf Gewalt gegen Frauen aufmerksam zu machen. Unter dem Motto ›MAI PIU SILENZIO‹ traten Chelsea Hotel in Mailand auf, Diva Scarlet war in Bologna zu sehen und Ele Matteucci trat in Lucca auf die Bühne.

__  ____________________________  __


FIRENZE – CITTA’ DI PIETRA E D’ACQUA

Suoni d’arte urbana
Si impara ad amare Firenze vivendo le sue strade ed ammirando gli edifici che la impreziosiscono; ci si lega indissolubilmente a lei osservando lo scorrere del fiume che un tempo le diede la vita. Dalla pietra e dall’acqua nascono le suggestioni che guidano gli artisti impegnati nella rassegna e che coinvolgeranno gli spettatori.

Martedì 23 giugno, Spiaggia sull’Arno, a partire dalle ore 21,30
“Percorso esperenziale”– Performance di Lorenzo Montagni una traccia empirico-artistica multisensoriale sull’acqua, come necessità ma anche come risorsa non sempre a portata di mano.

Giovedì 2 luglio, Complesso delle Murate, a partire dalle ore 21,30
“Stoned” – Performance di Gabriele Mori e Parama Libralesso – pittura e sonorità vocali con musica dal vivo
Performance di pittura dal vivo accompagnata da musiche e testi pre-registrati dall’artista stesso.
Sia il soggetto del quadro che l’accompagnamento sonoro e testuale saranno un metaforico viaggio poetico intorno al tema della pietra come universale mezzo edificatorio.

Giovedì 9 luglio, Complesso delle Murate, a partire dalle ore 21,30
Prison” – Performance di La Chiave Teatro – spettacolo teatrale con musica dal vivo
Si racconta un “frame”:un quadro in movimento, un racconto non narrativo e frammentario in un concerto di visioni. Un Prigioniero in un carcere, come quello delle Murate o quello di qualunque altra città, a contatto con la nuda pietra , rinchiuso in un ghetto –fortezza, che riconosciuto il peso della propria condizione, riesce a liberarsene e a creare spazio dentro di sè.
Il tentativo è di creare appunto con il video, la recitazione e il suono un mondo-concerto, che dia il sapore del dialogo con la durezza dell’elemento, la pietra.

Martedì 21 luglio, Spiaggia sull’Arno, a partire dalle ore 21,30
Acqua, acqua, acqua” – Performance di Gabriele Mori – vocalità e immagini in movimento
La voce dell’artista viene rielaborata in tempo reale mediante l’uso di multieffetti e campionatori audio creando di volta in volta suggestive atmosfere e differenti paesaggi sonori. La voce, essendo entità sospesa tra corpo ed ambiente, è simbolicamente messa in relazione all’elemento acqua inteso come fase di transizione tra la materia e la non materia.
I testi e le immagini in movimento proiettate faranno via via riferimento a diverse facce del tema “acqua”, affrontando l’argomento dal punto di vista naturale, estetico, sociale e ambientale. Non mancheranno riferimenti diretti a Firenze…

Giovedì 6 agosto, Complesso delle Murate, a partire dalle ore 21,30
Dissoluzione #1 – sinfonia per muri e corpi danzanti” – Performance di Joela Laghi – performance di arte e danza con musica jazz dal vivo
Il lavoro parte dall’idea sincretica di acqua e pietra, di muro “fluido”, di “fortezza fragile”, e si ricollega all’antica funzione del luogo ovvero imprigionare, “separare”. Il muro di ghiaccio infatti stabilisce una relazione di separazione dagli spettatori, ma al contempo di condivisione sia perché si può vedere in qualche modo attraverso, sia perché sciogliendosi il ghiaccio compenetra i due campi dello spettatore e del performer. All’interno della piazza delle Murate saranno posti dei blocchi di ghiaccio che inglobano vari oggetti,e messi l’uno su l’altro a costruire un labirinto, un muro trasparente che si snoda nello spazio. All’interno di esso, visibile solo in trasparenza, la performer danzerà in un moto libero di emozione a piedi nudi. Successivamente entreranno nel “labirinto” una coppia di ballerini che si uniranno alla danza. Infine gli spettatori saranno invitati tutti a partecipare alla danza e al movimento, e sarà chiesto loro di restare a piedi nudi per la durata della performance. La musica sarà di vario tipo per simboleggiare aspetti della cultura occidentale.

Gartedì 18 agosto, Spiaggia sull’Arno, a partire dalle ore 21,30
Are we liquid? Siamo liquidi?” – Performance di La Chiave Teatro – spettacolo teatrale con musica dal vivo
L’acqua, sostanza vitale, viene talvolta sostituita dagli uomini con un altro liquido: l’alcool.
Gli attori si muoveranno in un una scena che loro stessi andranno costruendo durante lo spettacolo, utilizzando bottiglie vuote frutto del consumo irragionevole e sfrenato di alcool che caratterizza troppo spesso la nostra società.

Giovedì 3 settembre, Complesso delle Murate, a partire dalle ore 21,30
Plaster Ung” – Performance di Francesca Gabellini – videoproiezione e musica dal vivo.
Ci sono cose che non si possono vedere, dentro i muri e le pietre di cui sono fatti. Vediamo solo le conseguenze, quello che si manifesta alla vista. Efflorescenze, umidità di risalita, macchie appaiono sui nostri muri all’improvviso, e la tecnica ci dice i motivi, ma per noi che non conosciamo le cause rimangono semplici manifestazioni, e problemi conseguenti. Plaster Ung è un fanciullo mangiaintonaco, che appare nelle abitazioni più vecchie e sui muri antichi della città. Si muove rapidamente, dandoci le spalle, e dopo il suo passaggio masticatore si manifestano i fenomeni descritti, che noi solo pensiamo di conoscere.
Plaster Ung è bianco e non molto alto, e non ha naso (perché passando con la faccia sui muri, dopo così tanto tempo, l’ha perso, o forse non c’è mai stato). Plaster Ung si muove lentamente lungo i muri, ma noi non lo vediamo, e passiamo il tempo a litigare sulle murature danneggiate, indagando sulle cause che le hanno provocate. Se solo sapessimo! Se solo potessimo vedere questa creaturina ci piacerebbe, e sapremmo che è parte del corso naturale delle cose.

Martedì 8 settembre, Spiaggia sull’Arno, a partire dalle ore 21,30
Acqua sonante” – Performance di Clarice Plana – giochi d’acqua e musica percussionistica dal vivo.
L’acqua dà la vita ma può anche essere portatrice di sciagure quando con la sua forza sfugge al controllo umano. Attraverso l’azione dell’artista l’acqua diventa un vero e proprio medium artistico, come colore e pennello per il pittore, e la tecnica per utilizzarlo verrà insegnata al pubblico presente; una vera e propria catarsi dalle ataviche paure, presenti in ognuno di noi, che circondano la percezione di questo fondamentale elemento. Oggetti legati tra loro creeranno una reazione a catena. Il movimento sarà dato dallo spostamento di acqua da un recipiente all’altro; intanto gli oggetti coinvolti nel movimento creeranno suoni. Lo spettatore sarà invitato a partecipare all’installazione dando il ritmo e l’intensità del suono interagendo con il movimento dell’acqua.

__  ____________________________  __

Die Informationen zu den aktuellen Ausstellungen, den Workshops und Projekten sowie den Kunstkursen von ARTSENAL63 und Ottovolarte in Florenz können Sie im ARTSENAL63 – Blog betrachten und sich auch dort für eine Kursteilnahme anmelden oder weitere Informationen anfordern.

ARTSENAL63 | Kunstprojekte 2009 in Florenz | ARTSENAL63 | Kunstprojekte 2009 in Florenz | ARTSENAL63 | Kunstprojekte 2009 in Florenz | ARTSENAL63 | Kunstprojekte 2009 in Florenz | ARTSENAL63 | Kunstprojekte 2009 in Florenz